CORPO CONSOLARE

di Puglia, Basilicata e Molise

Chi siamo

La considerevole percentuale di cittadini stranieri residenti nelle regioni Puglia, Basilicata e Molise – unita a una vocazione culturale di forte appeal internazionale di queste regioni – ha determinato negli ultimi anni un notevole incremento di Consoli Generali, Consoli Onorari e vice Consoli, membri fondatori del Corpo Consolare formalmente costituito a Bari il 21 Settembre 1970.

Il Corpo Consolare è una libera associazione, ai sensi delle leggi della Repubblica Italiana, Paese ospitante, apolitica, aconfessionale e senza fini di lucro. Tra i membri del Corpo Consolare vi sono i Consoli Generali, i Consoli Onorari e i vice Consoli residenti in Puglia, Basilicata e Molise e quelli che, residenti altrove, estendano la loro circoscrizione nelle tre regioni sopracitate e hanno sede o ufficio consolare in Puglia, Basilicata e Molise. Ne fanno inoltre parte, senza diritto di voto, i Consoli che, in quiescenza dopo onorato servizio, richiedano di continuare la loro appartenenza al Corpo Consolare.

La Funzione Consolare

I Consoli sono Organi di uno Stato, i quali, all’interno dello Stato ospitante, attendono allo specifico campo delle relazioni internazionali che vengono svolte a livello locale e pongono in essere atti pubblici diretti ad assistere e proteggere i cittadini dello Stato d’invio. Non va per altro dimenticato che il funzionario consolare può essere incaricato di porre in essere veri e propri atti di natura diplomatica con il consenso del Paese ospitante.

Tali delicate funzioni devono naturalmente essere svolte con il consenso dello Stato ospitante che si manifesta attraverso un exequatur grazie al quale lo Stato ospitante autorizza il Console ad esplicare presso la propria circoscrizione (territorio) le sue funzioni e quindi autorizza implicitamente lo Stato d’Invio a svolgere con continuità talune attività, assicurando la relativa protezione giuridica (ne impediatur officium).

L’attività dei Consoli interessa quasi tutti gli organi dello Stato ospitante che operino nella circoscrizione consolare e persino i cittadini dello stesso Stato ospitante. Ne consegue che i contatti dei Consoli con gli organi locali assolvano ad una precisa natura istituzionale, in tal senso l’exequatur costituisce altresì atto diretto a adempiere ad esigenze che sono proprie dello Stato ospitante.

Ne consegue che gli Stati sono da un lato indotti per la grande crescita di mobilità internazionale, ad aprire nuove sedi consolari, ma dall’altro non possono far fronte all’elevato costo richiesto dal mantenimento degli Uffici consolari di carriera (consules missi), sostituendoli progressivamente con quelli onorari scelti in loco fra persone estranee alla carriera diplomatico-consolare (consules electi). Va comunque precisato che non esiste alcuna differenza tra le funzioni che sono proprie dell’una e dell’altra categoria.

  • Le relazioni di natura economico-commerciale, istituzionale, culturale e turistica rendono necessaria l’esistenza di una sede Consolare.

  • La figura del Console ha una lunga storia alle spalle. Nel corso del tempo, la maggiore libertà economica, l’espandersi degli scambi commerciali a livello mondiale ed il fenomeno dell’emigrazione, resero sempre più necessaria l’istituzione dei Consolati per la protezione dei connazionali, lo sviluppo dei commerci e per la definizione della giurisdizione.

  • Le funzioni demandate ai Consoli sono disciplinate dalla Convenzione di Vienna sulle Relazioni Internazionali del 24 aprile 1963. La Convenzione, recependo le preesistenti regole di diritto internazionale consuetudinario, disciplina per la prima volta in maniera organica la materia. Essa elenca i doveri dei Consoli: in primis i Consoli devono proteggere gli interessi dello Stato rappresentato ed i cittadini dello Stato d’invio, ma l’aspetto più interessante è di ordine economico, in quanto i Consoli devono favorire lo sviluppo delle relazioni commerciali tra lo Stato d’invio ed il Paese ospitante. I Consoli si informano e relazionano sulle condizioni e sull’evoluzione della vita economica nelle aree di propria competenza e favoriscono i rapporti culturali e scientifici.

  • Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un incremento delle attività dei Consoli Onorari, testimoniato anche da un aumento sensibile delle sedi consolari onorarie. L’istituzione di un Consolato Onorario comporta, tra l’altro, una notevole riduzione dei costi della diplomazia. Davanti a questo mutamento della realtà ed all’aumento dei Consoli Onorari rispetto a quelli di Carriera e d’uopo sottolineare l’importanza delle nuove attività consolari in continuo adeguamento alle mutevoli esigenze dei tempi attuali.

Finalità

L’Associazione no-profit ‘’Corpo Consolare di Puglia, Basilicata e Molise’’ ha lo scopo di promuovere ed incrementare le relazioni fra i Consoli operanti nelle regioni Puglia, Basilicata e Molise con i Corpi Consolari esistenti in Italia e favorire iniziative sociali, culturali e umanitarie atte ad incrementare un proficuo collegamento fra i Consoli e a valorizzarne la figura e l’opera in qualsiasi settore. L’associazione “Corpo Consolare di Puglia, Basilicata e Molise’’ è un’associazione senza intenti politici o lucrativi e nasce con lo scopo di promuovere rapporti di migliore conoscenza fra i Consoli Onorari operanti nelle tre regioni di riferimento. Diffondere fra di essi informazioni di ogni genere utili all’assolvimento delle loro funzioni consolari; promuovere e tutelare la condizione giuridica dei Consoli in ogni suo aspetto, conforme alle esigenze della missione cui sono preposti ed operare in modo che lo status dei Consoli realizzi in pieno le previsioni contenute nella normativa internazionale, con particolare riferimento alla convenzione di Vienna del 24 Aprile 1963; promuovere ed incrementare le relazioni fra i Consoli operanti nelle tre regioni in parola con i Corpi Consolari esistenti in Italia e, a tal fine, favorire tutte le iniziative sociali, culturali e umanitarie, comunque atte ad incrementare un proficuo collegamento fra i Consoli Generali, i Consoli Onorari ed i vice Consoli associati al sodalizio.

  • PROMUOVERE

    migliori rapporti di Amicizia e conoscenza tra i Consoli Generali, i Consoli Onorari ed i vice Consoli operanti in Puglia, Basilicata e Molise

  • PROMUOVERE E ORGANIZZARE

    attività che conferiscano la giusta visibilità al Corpo Consolare di Puglia, Basilicata e Molise nel suo insieme, ne significhino la missione e ne sottolineino lo spirito di servizio nei confronti della comunità ospitante in tutte le sue declinazioni

  • DIFFONDERE

    tra di essi informazioni di ogni genere utili per l’assolvimento delle loro funzioni consolari e, nei limiti delle proprie competenze e nel pieno rispetto delle competenze di ogni singola Missione o Sede Consolare, sostenerli nell’esercizio delle medesime     quando, queste ultime, vadano a rafforzare i rapporti di Amicizia e collaborazione con le Istituzioni, gli enti e le Autorità locali

  • TUTELARE

    nei modi consentiti dalle vigenti norme nazionali ed internazionali, la dignità ed il prestigio delle missioni consolari da essi svolte

  • ASSICURARE

    ai funzionari consolari i trattamenti loro dovuti e l’osservanza delle prerogative e delle immunità che competono loro in base alla Convenzione di Vienna, da parte di tutte le Istituzioni

I Consoli di Puglia, Basilicata e Molise

Scarica l’agenda completa

Contattaci

Segreteria Generale del Corpo Consolare
di Puglia, Basilicata e Molise
Viale Ennio 2/i – 70124 Bari

(+39) 080 556 9222
E-MAIL

2 + 0 = ?

Questo modulo di contatto è disattivato perché l’utente ha rifiutato di accettare il servizio Google reCaptcha, necessario per convalidare i messaggi inviati dal modulo.